Corda, scarpette e magnesite pronti a scalare!

L’arrampicata sportiva sta prendendo sempre più piede all’interno del quadro generale sportivo in Italia. In questo ultimo periodo, nel nostro paese sta riscuotendo un buon successo l’arrampicata indoor (cioè quella praticata in palestre e sale adibite). Questo sport, che sia indoor o outdoor (ovvero in falesia o in generale su roccia all’aperto), è considerato uno sport estremo ma, praticandolo, si constata che il livello di sicurezza adottato è altissimo sotto tutti i punti di vista.


All’interno delle palestre l’attività si divide in “corda” e “boulder”. Per ciò che concerne la prima, la sicurezza è data dalla presenza di moschettoni, imbraghi e corde progettati al meglio affinché l’arrampicatore sia privo di ogni rischio. Per il secondo invece, in quanto sprovvisto di corda, è presente un materasso che permette all’arrampicatore, nel momento di una eventuale caduta, di non riportare lesioni.
Generalmente l’altezza di un boulder, all’interno di una palestra, è di circa 4-5 metri, difatti, grazie a queste regolamentazioni e accortezze è praticamente impossibile riportare traumi. Quindi se praticato rispettando le regole sotto la tutela degli istruttori i rischi sono di fatto minimi. L’arrampicata sportiva è un’attività adatta a chiunque possieda spirito d’iniziativa, richiede forza sia mentale che fisica, è uno sport che si basa sulla concentrazione e il ragionamento al fine di raggiungere un obiettivo prefissato, richiede, quindi, coraggio e un carattere tenace da parte dell’arrampicatore nel superare i vari livelli che la via presenta, nel contempo però è un insieme di divertimento e tecnica. Inoltre non si deve pensare a questo sport come ad un’attività solitaria, in quanto mentre si arrampica si collabora, ci si incoraggia a vicenda. Questa opportunità fa sì che si formino nuove amicizie e, in chi lo pratica, porta benefici dal punto di vista della concentrazione e della determinazione. Dal punto di vista fisico, invece, l’arrampicata è uno sport completo che permette uno sviluppo armonico della muscolatura e sviluppa una spiccata capacità di equilibrio e coordinazione del corpo. L’arrampicatore lotta contro se stesso prefissandosi degli obiettivi, nel momento in cui si inizia a salire sei tu e la parete, si soffre, si esulta, si provano forti emozioni, si sbaglia, si riprova e, raggiunto l’obiettivo prefissato, ci si sente pienamente soddisfatti.
Il principiante inizia il corso in palestra sotto tutela di istruttori qualificati che insegnano le norme di sicurezza e le tecniche di base dell’arrampicata indoor. Sia sulle pareti boulder che su quelle attrezzate con corda sono applicate delle prese più o meno grandi e ciò ne determina la difficoltà e il grado della parete. Gli istruttori, una volta constatato il buon livello tecnico raggiunto dal principiante, propongono a questi la nuova ed emozionante esperienza che è l’outdoor. Qui si provano nuove emozioni, il contatto con la roccia immersi nella natura, il divertimento con gli amici e la conoscenza di nuove vie e nuovi luoghi. È da qui che ha inizio un’avventura tutta nuova.
Allora che aspetti, resti lì a guardare? Entra nel mondo dell’arrampicata, non te ne pentirai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *